Prosciutti Coradazzi

Ricevimento delle cosce fresche

La selezione della materia prima è la fase fondamentale per garantire l’eccellenza del risultato finale.

Il disciplinare del Consorzio blinda i parametri di qualità generali. Noi li restringiamo ulteriormente introducendo in azienda solo le cosce che superano il giudizio di Angelo, frutto di anni di esperienza perchè non esiste una scuola e il lavoro si impara nel tempo lavorando. Le cosce provengono esclusivamente da suini nati ed allevati in Italia nei migliori allevamenti.

Selezione e rifilatura

La nostra lavorazione artigianale è importante sopratutto in questa prima fase.

Ogni coscia viene rifilata, osservata, manualmente e personalmente valutata da Angelo.

Non ci sono automazioni, il lavoro manuale è notevole, ma solo sfiorando, toccando, rifilando e guardando senza fretta si potrà selezionare le cosce che diventeranno Prosciutti San Daniele DOP Coradazzi.

 

Il premarchio

Le nostre cosce devono avere delle caratteristiche uniche, come, ad esempio, un adeguato strato del grasso che garantirà la dolcezza e morbidezza del prosciutto anche nelle lunghe stagionature.

Solo le migliori ricevono il premarchio che riporta la data di introduzione in azienda e di inizio lavorazione.

Quelle non idonee vengono immediatamente rese al fornitore.

 

 

 

Salone ricevimento Si inizia il lento lavoro del ricevimento e selezione La selezione e rifilatura Selezione e premarchiatura Dettaglio del premarchio Le cosce vengono deposte sui bancali Ricevimento e selezione cosce fresche Premarchio sul fresco