DSCF2490

BAULETTI DI PASTA FILLO

 

Mi sono un po’ stufata e visto che parlo di cucina “stufata” mi sembra l’aggettivo più appropriato. Cucina di qua. Cucina di là. La “Regina dei Fornelli” oggi ha la luna di traverso. Forse è colpa dell’eclissi di luna della scorsa sera. Sta di fatto che non ho voglia di cucinare per la festa del primo maggio per il consueto picnic dallo zio Lucio.

 Quindi mi sono detta: “Teresa, pensa, pensa. No, non addormentarti TERESA sveglia! È solo da 15 secondi che pensi”. Volevo trovare una ricetta facile, veloce, ma di gran effetto.

Poi mi è venuto in mente un amico che è anche mastro birraio e, stando a quello che dice, produce birra. La birra si sposa bene con qualche cosa di stuzzicante: “Teresa, EUREKA!!! Trovato!”. Farò degli involtini di pasta fillo, ripieni di tutto quello che mi salterà in mente che il contenuto del frigorifero mi suggerirà.

INGREDIENTI:

Pasta fillo già pronta e stesa in fogli. Nel mio caso ne ho adoperati 8 doppi in totale gr. 240

Nr. 03 Fettine di petto di pollo;

Nr. 02 Peperoni;

Nr. 08 Fettine di pecorino;

sale – pepe

PROCEDIMENTO:

Innanzitutto faccio abbrustolire i peperoni per togliere la pelle. Taglio finemente il petto di pollo e lo faccio cuocere in padella per 10 minuti in un fondo di burro. Una volta cotto il pollo spegno e tengo da parate. Srotolo i fogli di pasta fillo. Io ho utilizzato due strati (imburrando con un pennello la pasta tra uno strato e l’altro). Ogni quadrato steso di doppia sfoglia di pasta fillo l’ho divisa in due parti. Ho messo in alto, nel centro, un quarto di fetta di peperone, salato, pepato, aggiunto dei pezzi di pollo e una fettina di pecorino. Ho chiuso ripiegando i bordi ai lati, avvolgendo, passando con il pennello imburrato su ogni giro di pasta fillo. Ho proseguito terminando tutti gli ingredienti e ho ottenendo otto saccottini che ho nuovamente spennellato con il burro. In forno a 200 gradi per 15 minuti. La pasta non deve dorarsi troppo perché potrebbe “sapere” di bruciato.

Facile, veloce, economica. Per di più la cucina non è sottosopra in maniera esagerata. La ricetta per il pic-nic del primo maggio è pronta. Ora aspettiamo il sole.

Buona festa a tutti,

cordialmente

Teresa Coradazzi