Per l’8 marzo una ricetta che parla di donne. Peperoni ripieni dal ricettario di mia madre Giovanna

Le ricette migliori, le più buone, sono quelle che appartengono alla nostra memoria.
Molte le trovi scritte nei libri, alcune nel “ricettario di famiglia”, altre vengono tramandate o semplicemente arrivano…
Questa ricetta è stata un vero dono.
Credevo di averla persa. Credevo che mai sarei riuscita a rifare i peperoni ripieni come quelli che faceva mia madre perché lei la sapeva a memoria: sempre uguale e sempre perfetta, senza ricetta.
Io avevo solo il ricordo, anche perché non era una ricetta che mi piaceva particolarmente…
Ma ora…quanto mi manca (e non solo la ricetta).
Ho provato è riprovato. Ho tentato, variato gli ingredienti, ma il risultato era deludente perché non erano i peperoni di mia madre.
Poi mi sono ricordata della signora Vittorina. Al telefono, in una sera di scambio di ricette culinarie, mi pareva mi avesse detto che aveva la ricetta dei peperoni ripieni di mia madre. Li cucinava spesso perché piacevano molto a suo marito, il dottor Giovanni.
Detto fatto l’ho chiamata al telefono e con stupore…il giorno dopo avevo la ricetta originale e manoscritta.
Quando pensi di aver perso qualche cosa di importante, di affettivamente importante, e invece poi ti accorgi che quella cosa non era persa, ma era stata regalata a un’altra persona, capisci l’importanza del donare. Le cose semplici e la felicità, nel riaverle ritrovate, sono pari alla gratitudine.

Ma, bando ai ricordi e via alla ricetta:

PEPERONI RIPIENI
Dal ricettario di mia mamma: Giovanna

Io l’ho cucinata una domenica triste e uggiosa e nel vedere i colori degli ingredienti mi sono subito rallegrata: bella da vedere e ottima da mangiare.

Un peperone o due a testa; (le dosi indicate sono per 10 peperoni non molto grandi)
Nr. 02 cucchiai di riso per ogni peperone;
Gr. 150 di sedano;
Gr. 50 di prezzemolo;
Gr. 230 di pomodorini;
Gr. 250 di grana grattugiato;
sale – pepe – aglio – olio

Importante: tutti gli ingredienti (peperoni e riso) sono crudi.

Tritare finemente (io li ho tritati assieme nel mixer): il sedano, il prezzemolo e mezzo spicchio d’aglio e amalgamate il trito in una terrina assieme al riso crudo. Unite i pomodorini tritati (io ne ho usati due o tre per ogni peperone). Aggiungete il grana grattugiato, il sale (un pizzico per peperone) il pepe e condite con un po’ di olio (né troppo né poco….. il giusto!)
Tagliate i peperoni a ¾, tenendo intero il cappello che dovrà essere riposizionato sui peperoni per la cottura. Puliteli dai semi e svuotarli. Lavateli e asciugateli velocemente.
Riempite con il composto i peperoni. Unite i loro cappelli e disponeteli in una teglia da forno. Versate nella teglia, tra i peperoni, due bicchiere di acqua tiepida salata e con po’ di olio oppure, se ne avete a disposizione, potete aggiungere due bicchieri di brodo vegetale. (l’acqua deve essere alta solo due dita)

Infornate a forno caldo a circa 200° per 50 minuti. Controllate durante la cottura che l’acqua non venga assorbita del tutto e assaggiate il riso, perché ogni forno è un mistero che vive di vita propria. Come per incanto i peperoni ripieni di riso assorbiranno l’acqua necessaria per cuocersi e….. voilà…la ricetta è pronta, la tavola imbandita e i commensali che reclamano il rancio e mi raccomando…non siate mai gelose delle vostre ricette!!!
Questi squisiti peperoni hanno pochissimo condimento. Sono quindi adatti a qualsiasi tipo di dieta e possono essere divorati anche dai celiaci.
Chiaramente vi devono piacere i peperoni.

Buon appetito
Teresa Coradazzi